familyamo…amore per la famiglia!

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo! (M.Gandhi)

Giocare con la musica

GIOCARE CON LA MUSICA

Come avvicinare i bambini al mondo delle note? ecco tanti metodi e consigli per un ascolto condiviso.

In ogni essere umano è presente un naturale bisogno di armonia. Già nel ventre materno gli esseri umani riconoscono la musica e a pochi mesi di età sono in grado di distinguere ritmi e successione di suoni. Allora è chiaro che tutti hanno il diritto di sviluppare questa propria creatività e di crescere insieme ad essa. La musica è una componente preziosa per lo sviluppo dei più piccoli, perchè mette in moto una feconda interazione tra i due emisferi del cervello umano, migliorando le capacità di apprendimento e facilitando lo svolgimento di operazioni complesse della mente e del corpo. Praticare la musica richiede infatti impegno, continuità di esercizio, insomma sforzo e fatica, ma  il risultato di questo lavoro dà gioia, emozione e soddisfazione per la propria crescita.

LA MUSICA AIUTA IL BAMBINO A :

  • sviluppare le proprie capacità di ascolto e di osservazione dell’ambiente sonoro
  • ascoltare se stesso e gli altri
  • esprimere idee ed emozioni
  • sviluppare la propria immaginazione e creatività
  • potenziare le proprie capacità comunicative
  • accrescere la capacità di attenzione e concentrazione
  • esercitare la memoria

Come fare allora per avvicinare i nostri cuccioli al mondo delle note e del pentagramma?

Occorre una guida esperta, un “Virgilio” che accompagni nell’avventura musicale fin da quando si è piccolissimi. Oggi i genitori hanno molte opportunità, vediamo quali sono.

DURANTE LA GRAVIDANZA

Si consiglia alle future mamme di ascoltare e cantare brani che evocano memorie affettive e sono legate a persone amate, luoghi, eventi, situazioni, giochi. Scegliere brani per il movimento e altri per il rilassamento, ascoltando lo stesso brano ripetutamente nel corso della gravidanza. Sottolineare, giocando con la voce e i movimenti del corpo, i suoni dell’ambiente.

DOPO LA NASCITA

  • evitare ambienti saturi di suoni
  • riproporre i canti e le musiche ascoltate in gravidanza
  • ritmare il parlato o il canto, sottolineando con movimenti e gestualità
  • portare attenzione a suoni diversi, collegando gli stessi a situazioni, immagini, odori.
  • giocare “a specchio” nelle produzioni vocali spontanee (parlate o cantate)
  • associare alle routines (pappa, cambio del pannolino, nanna) canti, filastrocche o sonorizzazioni, cercando brani che sottolineino, per esempio con il movimento suggerito, le situazioni reali.
  • accompagnare con sonorizzazioni, movimenti e gestualità i passi, i molleggi, le giravolte, le cadute, le scivolate.
  • proporre canti e ascolti che suggeriscano andamenti diversi per esempio dondolanti che richiamano gestualità fluide o spezzate.
  • ripetere e variare melodia e ritmo dei canti. Ampliare il repertorio abbinando gestualità e movimento. Giocare ad interpretare emotivamente e teatralmente il brano conosciuto.
  • ascoltare suoni prodotti spontaneamente dai bambini con voce e oggetti diversi (cucchiai, piatti di plastica, sedie). successivamente instaurare un dialogo sonoro: imitare i loro gesti, ricalcando i suoni.
  • solleciate variazioni, per esempio, percuotendo su diverse superfici o in diverse zone per cercare suoni differenti.
  • abituare precocemente i bambini all’ascolto della musica dal vivo ( già da 2/3 anni).

QUALE MUSICA ASCOLTARE INSIEME?

Proporre repertori diversi, allargando il più possibile l’ascolto a generi e stili musicali differenti: musica classica, concreta e contemporanea, repertorio per bambini dalla diverse parti del mondo. Si consiglia una discografia che presenti strumenti differenti, la voce utilizzata in modalità e tecniche diverse per ottenere sonorità particolari. E’ importante seguire le proprie preferenze ed è fondamentale che la musica sia un’esperienza piacevole.

PER SAPERNE DI PIU’

www.natiperlamusica.it

tanti suggerimenti su libri, brani e modi per avvicinare i bimbi alle note

www.aigam.org

tutto sul metodo Gordon, i corsi ed una ricca bibliografia

www.musicainculla.it

fare musica per bambinio da 0 a 3 anni

www.orffitaliano.it

corsi di Orff-Schulwerk per bambini da 2 a 12 anni

 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.