familyamo…amore per la famiglia!

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo! (M.Gandhi)

Psicoterapia

L’indirizzo scientifico-culturale e le caratteristiche del modello clinico-applicativo che utilizziamo si rifanno alla storia ed all’evoluzione della Terapia Familiare e del Paradigma Sistemico-Relazionale.
Il nostro modello privilegia, all’interno del paradigma sistemico-relazionale, il rapporto tra famiglia ed individuo e valorizza la matrice storico-relazionale del disagio dell’individuo, focalizzando l’attenzione sulle problematiche trigenerazionali e sulle risorse dell’intero sistema. Coniuga l’aspetto individuale con quello familiare e gruppale, scegliendo di volta in volta la modalità di intervento più idonea alla valutazione diagnostica effettuata.

PSICOTERAPIA SISTEMICO-RELAZIONALE

La Psicoterapia Sistemico-Relazionale nasce quasi esclusivamente come Terapia della Famiglia intorno agli anni ’40 negli Stati Uniti da ricerche parallele di psicoanalisti (Ackerman, Boszormenyi-Nagy, Bowen, Whitaker ed altri) e di ricercatori e clinici di formazione sistemica (Bateson, Watzlawick, Jackson, Haley ed altri) che conducevano studi sulle interazioni tra il comportamento del paziente, soprattutto il paziente affetto da disturbi psicotici e la sua famiglia di origine.
Già nel 1949 G. Bowlby pubblicò un articolo ” The study and reduction of group tension in the family ” nel quale descriveva le interviste familiari congiunte come una modalità ausiliare per le terapie individuali più complesse di adolescenti trattati alla Tavistock Child Guidance Clinic. Contemporaneamente negli Stati Uniti, un discepolo di Adler, Rudolf Dreitrurs, del Community Child Guidance Center di Chicago, aveva sviluppato, per analoghe problematiche adolescenziali, un programma molto simile a quello della Tavistock.
Questo per sottolineare che il movimento denominato ” Terapia della Famiglia ” iniziò contemporaneamente in molti luoghi e per merito di terapeuti già affermati, ma negli Stati Uniti coincise, negli anni cinquanta, con la comparsa di nuove tendenze nel campo delle scienze umane e sociali.

Nel campo specifico del disagio mentale emerge la tendenza comune a spostare l’attenzione dai fattori intrapsichici ai fenomeni interpersonalicon l’utilizzazione di nuove unità di diagnosi e d’intervento.

Da Bateson nel 1951 viene la proposta di usare la comunicazione come un nuovo modello scientifico e si afferma la necessità di una rottura con la tradizione ed un profondo rinnovamento del linguaggio e delle categorie concettuali del nuovo paradigma. J. Haley, J. Weakland, D. Jackson, Virginia Satir e Minuchin parlano di una vera e propria rivoluzione scientifica. Terapeuti come Ackerman, Boszormenyi-Nagy, Bowen, Whitaker cercano invece un ponte con la tradizione psicoanalitica recuperando il concetto di individuo.

Anche in Italia si distinguono queste due linee di tendenza: la prima fa capo alla Selvini Palazzoli che opera sulla famiglia intesa come “sistema di interazioni” abbandonando ogni interesse per l’individuo, se non in quanto membro di un sistema. L’altra, che fa capo a gruppi di ricercatori romani, (Andolfi, Cancrini, Vella) guarda alla famiglia come a un sistema aperto capace di autogestirsi ed in costante trasformazione: l’individualità e gli apetti della personalità di base dei singoli membri del sistema, compreso lo stesso terapeuta, vengono valorizzate ed utilizzate come potenziali trasformativi.

Se da una parte tali concezioni sono il risultato delle innovazioni introdotte dalla cibernetica, dall’altra è chiaro il riferimento ad autori storici, quali Ackerman, Nagy, Bowen e Whitaker, in particolare ricordiamo alcuni concetti essenziali da loro introdotti e sviluppati:

a. l’importanza del’acquisizione della consapevolezza da parte dei membri della famiglia,
b. il lavoro centrato sull’individuo piuttosto che sul sistema,
c. l’importanza del livello trigenerazionale
d. l’inseparabilità del sè dalla relazione
e. la posizione del terapeuta partecipe e definito rispetto alla propria individualità.

Bisogna comunque riconoscere che l’influenza degli scritti di Carl Whitaker, è molto più incisiva, soprattutto il suo concetto chiave, l’uso del sè del terapeuta. Si riferisce, in particolare, alla capacità di quest’ultimo di conoscere e di utilizzare sia le caratteristiche della propria personalità, che le istanze emozionali per la costruzione di un’efficace relazione terapeutica. In questa prospettiva teorica si colloca la mia esperienza clinica e didattica come psicoterapeuta formata presso l’I.Te.R. che guardano alla famiglia come un sistema attivo e non solo reattivo.
Questa concezione della famiglia aggiunge un’indubbia complessità che rende il comportamento familiare meno prevedibile anche per lo stesso terapeuta che non è più osservatore “non partecipe”, ma parte attiva ed integrante del sistema e quindi coinvolto nello stesso processo trasformativo. Oggi  il concetto di Terapia della Famiglia si è ampliato estendendo la ricerca e l’intervento clinico verso una prospettiva sistemica più ampia, dove non sempre la famiglia resta per il terapeuta il sistema più significativo di riferimento.
L’attitudine di questi ultimi anni a lavorare con strutture familiari ricomposte o monogenitoriali o con configurazioni strutturali delle più variegate ha consentito di sperimentare l’efficacia del coinvolgimento nel processo terapeutico componenti di sistemi sociali al di là della famiglia rivelatisi di fondamentale importanza nella costruzione del processo terapeutico. La Terapia Familiare è sempre più vista come psicoterapia attraverso la famiglia per affrontare oltre il disagio collettivo anche quello del singolo individuo. L’evoluzione del modello sistemico, superando l’idea esclusiva della terapia congiunta con la famiglia, permette attualmente di convocare i sottosistemi in setting distinti e soprattutto, consente di legittimare la psicoterapia sistemica individuale.

All’interno del paradigma sistemico la teoria di maggiore impatto innovativo è:

Il concetto di contesto come unità diagnostica e terapeutica.
In tale prospettiva è intuibile  l’applicazione della metodologia sistemica nelle più diverse realtà sociali, includendo nel setting terapeutico quei sistemi della rete sociale del paziente in cui possono essere recuperate energie utili alla ricerca di nuovi equilibri.*

In sintesi viene favorita l’applicazione clinica del modello sistemico oltre che con la famiglia con:
1) la coppia
2) l’individuo
3) i sistemi significativi della rete sociale di appartenenza.
4) Il bambino
5) L’adolescente.

 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.